Chiesa Santa Bibiana

L'idea è nata una sera di gennaio durante una visita di P. Mas a Roma: riunire tutte le famiglie che in Italia hanno adottato un bambino con Manyanet Solidale per conoscersi e presentare l'associazione.

 

Dopo accurati preparativi, il 13 giugno alle 9.30 ci siamo ritrovati a Palmoli al Collegio della Sacra Famiglia. Tanti i sacerdoti: P. Mas, P. Antonio, P. Emanuele, P. Carlo, P. Silvio e tante le famiglie, i giovani, gli anziani, i bambini, circa 70 persone! Non avremmo mai immaginato che l'invito sarebbe stato accolto con tanto entusiasmo!

La giornata è iniziata con una breve preghiera nel Santuario della Madonna del Carmine e con un'abbondante colazione a base di caffè e dolci tipici fatti in casa dalle famiglie. Quindi, ci siamo riuniti tutti in una sala dove P. Mas ha illustrato gli obiettivi di Manyanet Solidale e la situazione dei paesi (Venezuela, Colombia e Brasile) dove operano i Figli della Sacra Famiglia e dove crescono i bambini adottati. Con l'aiuto di un proiettore, P. Mas ci ha praticamente fatto toccare con mano la realtà, veramente impressionante, di povertà nella quale vivono le famiglie, in particolare quelle della zona del Putumayo, per le quali nel 2010 sono stati raccolti fondi allo scopo di costruire case semplici ma dignitose. Queste famiglie, composte da padre, madre e anche 9 figli, attualmente vivono in baracche nella foresta. Ma, ci spiegava P. Mas, povertà non sempre vuol dire tristezza, e quei bambini allegri, sorridenti, che abbiamo visto sono intelligenti, creativi, pieni di vita. Ecco, dunque, l'importanza dell'adozione a distanza: questi ragazzi con il nostro piccolo aiuto hanno la possibilità di studiare, imparare un mestiere e sperare in un futuro migliore. In seguito P. Antonio ha ringraziato tutti i partecipanti e ha manifestato la sua gioia per aver avuto la possibilità di incontrare e conoscere personalmente molti di coloro che contribuiscono con tanta generosità alle adozioni a distanza di Manyanet solidale.

Si è creata un'atmosfera di amicizia e collaborazione: noi, che come famiglie, avevamo sentito l'importanza, la necessità, il dovere di aiutare una famiglia che non conoscevamo e che vive dall'altra parte del mondo, ora ci sentivamo uniti fra noi. E con questo spirito sono stati fatti i preparativi per la messa che è stata celebrata, nel Santuario, da P. Mas e P. Antonio, mentre 7 chitarristi venuti da Loreto, da Palmoli e da Roma hanno accompagnato i canti. Poi, tutti giù al ristorante Boomerang, dove ci aspettava un delizioso pranzo coronato da una bella torta per festeggiare onomastico e compleanno del nostro instancabile P. Antonio che assieme a P. Mas ha poi voluto dare a ogni famiglia un'icona della Santa Famiglia come ricordo della giornata trascorsa assieme.

L'incontro si è concluso all'aperto tra canti sacri e profani accompagnati dalle chitarre in un clima di gioia e di festa e con la promessa di ritrovarci presto insieme, magari anche con altri nuovi amici.

   Privacy & Cookie Policy